Home / Categorie / La Grande Bellezza / Appuntamenti / Turner, viaggio nella luce da Londra a Roma
Turner - Opere della Tate
Turner - Opere della Tate

Turner, viaggio nella luce da Londra a Roma

di Pamela Menichelli – Giunge  dalla  Tate di Londra al  Chiostro del Bramante Turner, il  “maestro della luce”,  con una raccolta di  circa 92 opere: acquerelli, studi,  album e olii, esposti la prima volta in Italia e provenienti da una collezione privata dell’artista.

Suddiviso in sei sezioni, il percorso della mostra, curata da David Blayney Brown  ed intitolata “Turner: opere dalla Tate”,  si trasforma  in un  vero e proprio viaggio suggestivo in cui protagonista è la  luce che guida lo spettatore alla scoperta della pittura dell’artista in tutte le sue fasi.

Nelle stanze del Chiostro del Bramante le opere di Turner rivivono nei ricordi dei suoi viaggi, emozioni, luoghi visitati  durante i soggiorni all’estero. Si parte dai primi lavori definiti più  paesaggistici per arrivare alla eccessiva “vaghezza” dei lavori della fase finale. La genialità dell’artista in effetti sta proprio nelle sue pitture di paesaggio legato al concetto di sublime. Filo conduttore dell’esposizione è insieme alla luce infatti anche la Natura nella sua espressione più totale. La quiete della laguna di Venezia, tempeste e naufragi, il mare calmo con i resti di un relitto offuscato nella nebbia ed appena percepito, montagne avvolte da nubi che preannunciano un temporale imminente, sono alcuni elementi ricorrenti nelle opere del pittore.

Grandi pennellate abbozzate, solo accennate con cui il mare e il cielo, o la terra e cielo si fondono in modo dinamico e unico danno vita ad una pittura in continuo mutamento così come è la natura e mutevole come l’animo dello spettatore che la osserva. Acquerelli in continuo divenire di sentimenti e situazioni, a seconda del contesto in cui  sono  stati vissuti e poi creati suscitano così in colui che guarda un avvicendarsi di sentimenti. Turner, da sempre affascinato dalla questione cromatica, affermava che le opere dovevano “parlare” al pubblico unicamente attraverso i colori. Le sue sperimentazioni libere e innovative  gli permisero di creare  atmosfere sognanti come ad esempio ritroviamo in modo ricorrente negli acquerelli dedicati alla laguna di Venezia, i quali creano un’indeterminatezza che contraddistingue unicamente  il suo stile.

Nel percorso della mostra emerge chiaramente come nell’excursus della produzione delle opere del pittore, grande impatto ebbe la lunga serie di viaggi formativi    che diventarono la sua persistente abitudine. Tra le mete visitate alla fine del 1700: il Galles, le    Midlands, l’isola di Wight, l’Inghilterra del Nord,    Bristol,    e Lancashire. Nel 1801 toccò alla    Scozia, e nel 1802 visitò per la prima volta    il Continente: Francia, Belgio, Lussemburgo e Germania.

Definito    come il “padre dell’arte moderna, le sue opere d’arte    considerano  soprattutto l’aspetto emotivo del colore, assumendo    varie  sfumature che spaziano dal romantico, all’ impressionista    fino ad arrivare al    pre-espressionista. Con la sua pittura ha infatti influenzato più di una generazione di artisti,  tra cui: Claude Monet, Vincent Van Gogh, Edgar Degas, Mark Rothko, James Turrell e Olafur Eliasson.   

Turner era un uomo assai colto, ed    era al corrente delle varie ricerche di cromatica che, succedendosi sin dai tempi di Isaac Newton, culminarono nella Teoria dei colori del poeta tedesco Goethe, opera letteraria tradotta in inglese nel 1840. Goethe, in particolare, sosteneva che non è la luce a scaturire dai colori, bensì il contrario. Nello specifico, stando alla dottrina goethiana, i colori primari sono fenomeni generati dall’interazione tra la luce e le tenebre; secondo tale tesi, dunque, il colore esiste solamente in funzione della luce.

About Redazione Rivista Siti Unesco