Home / Il patrimonio culturale condiviso e disperso, voci dall’UNESCO
Convegno Patrimonio culturale disperso
Convegno Patrimonio culturale disperso

Il patrimonio culturale condiviso e disperso, voci dall’UNESCO

Il 1 ° giugno, l’UNESCO ha riunito politici ed esperti di tutto il mondo in una conferenza dal titolo “Circolazione di beni culturali e patrimonio condiviso: quali nuove prospettive”, come parte del suo mandato come organizzazione culturale delle Nazioni Unite e in linea con la sua vocazione a servire come un laboratorio internazionale di idee.

La conferenza si è svolta in un momento di crescente dibattito pubblico sulla circolazione e la condivisione di beni culturali conservati in musei, istituzioni e siti situati lontano dai paesi o dalle comunità che li hanno prodotti – questioni che sono al tempo stesso complesse e avvincenti.

“L’argomento comprende questioni di identità, memoria, sovranità, che non sono solo legali ma anche diplomatiche, politiche, storiche, filosofiche ed etiche […]. Tracciare i percorsi queste opere sequestrate, depredate e spostate significa rintracciare la storia violenta del mondo”, ha dichiarato il direttore generale dell’UNESCO Audrey Azoulay nel suo discorso in apertura del lavori, nel corso quale  ha fortemente sottolineato la necessità di un dialogo e di apertura alle modalità emergenti di cooperazione.

Patrice Talon, presidente del Benin, ha insistito sul fatto che l’oggetto culturale è essenziale per la storia e l’identità delle nazioni e dei popoli, nonché per il loro sviluppo. “Il Benin rimane convinto di una cosa: qualunque siano le circostanze storiche della delocalizzazione dei beni, la cooperazione e la partnership rimangono i mezzi più efficaci per la loro valorizzazione e la loro influenza duratura a beneficio di tutti”.

L’intervento del professor Bénédicte Savoy, storico dell’arte presso la Technische Universität di Berlino e professore al Collège de France ha contestualizzato il dibattito, sottolineando che i musei europei devono essere riconosciuti per il loro importante lavoro nel preservare e far luce sul patrimonio culturale, ma che questo impegno non può esimere le autorità dalle questioni relative alla provenienza di alcune delle loro collezioni, in particolare quelle acquisite durante il periodo coloniale. Ripercorrendo l’evoluzione del discorso pubblico su questioni sensibili relative a queste raccolte, tra cui il lavoro dell’UNESCO in questo settore negli ultimi 40 anni, Savoy ha rilevato una mancanza di progressi e un’urgente necessità di agire. “Dobbiamo impegnarci affinché certe questioni cessino di essere tabù […] dobbiamo parlare apertamente affinché le cose cambino”.

I ministri del Benin, della Francia, del Gabon, della Germania, della Giordania, del Libano, del Perù e del Senegal hanno presentato le loro visioni politiche, economiche e culturali sull’argomento. Il Ministro della Cultura del Senegal, Abdou Latif Coulibaly, ha sottolineato che la restituzione è legittima e che “l’Africa è pronta” per ospitare collezioni nei musei allo stesso livello degli standard delle istituzioni occidentali.
La sua controparte francese, Françoise Nyssen, ha affermato che l’emergere di nuova volontà politica e modalità di restituzione, condivisione, accesso e cooperazione significa non essere “ostaggio delle pratiche del passato”. Monika Grütters, in rappresentanza del governo tedesco, ha detto che il suo paese è aperto a discutere della restituzione e ha sviluppato linee guida a tal fine. La Germania è desiderosa di lavorare con i paesi e le istituzioni interessate, ha detto il ministro.

I ministri della cultura hanno anche discusso della cooperazione in materia di traffico illecito e della Convenzione dell’UNESCO del 1970. Patricia Balbuena Palacios (Perù) ha evidenziato il problema del furto e del traffico di beni che affligge il suo paese e gran parte dell’America Latina. Nel 2016 Perù e Svizzera hanno firmato un accordo sul trasferimento internazionale di beni culturali e modalità di cooperazione che ha portato al rimpatrio di 66 oggetti culturali rubati fino ad oggi. Ghattas Khoury (Libano) ha spiegato il caso legale del “Bull of the Temple of Eshmun”, la cui restituzione è stata resa possibile nel 2018 con l’assistenza delle autorità statunitensi.

Nel discutere esempi di condivisione e restituzione, i direttori e gli esperti dei musei hanno anche sottolineato l’importanza dei manufatti del patrimonio culturale sottratti alle loro comunità di origine, ricordando che gli obblighi morali ed etici coinvolti sono almeno altrettanto importanti di quelli legali. I ministri hanno riconosciuto che la restituzione dei beni del patrimonio culturale riguarda il ripristino della memoria delle persone e uno strumento di salvezza dalle ferite delle guerre e della Storia.

George Abungu, direttore generale emerito dei musei nazionali del Kenya, ha enfatizzato le questioni relative agli oggetti culturali sacri. Lì dove un curatore esamina un oggetto scolpito da una prospettiva scientifica, i membri della comunità a cui questo oggetto appartiene e proviene lo vedono come lo spirito perduto di un parente rapito, che si struggeva per tornare a casa. Come esempio ha spiegato il significato spirituale delle sculture di Vigango, saccheggiate dalle tombe familiari in Kenya evendute ai musei occidentali, alcune delle quali sono state recentemente restituite nella grande gioia delle loro comunità.

Te Herekiekie Haerehuka Herewini, direttore di Te Papa Tongarewa, il Museo Nazionale della Nuova Zelanda, ha parlato della risoluzione con successo di oltre 400 richieste di rimpatrio di antenati Mori e Moriori dalle istituzioni oltreoceano. Questo, ha detto, ha richiesto delicate trattative e presentazioni riguardanti sia la storia della colonizzazione del suo paese che dei luoghi sacri in questione, in modo da creare fiducia e amicizia tra le istituzioni negoziali.

Barbara Plankensteiner, direttore del Museum für Völkerkunde di Amburgo, Germania, ha affermato che un vivace dibattito pubblico in Germania, in particolare sul passato coloniale, ha portato alla revisione della legislazione e alla creazione di nuovi quadri di collaborazione con i partner africani che mettono entrambe le parti in causa su di un piano di parità.

Alcuni hanno parlato di estendere l’accesso al patrimonio enfatizzando la flessibilità, la cooperazione e l’innovazione, compresi gli scambi e i prestiti tra paesi e istituzioni. Ad esempio è sttao portato il caso del Louvre di Abu Dhabi, dove la cooperazione diplomatica, la costruzione di ponti, l’integrazione sociale e la nozione di un “nuovo museo universale” sono state inserite in un progetto di ampie veduto, sia temporali che spaziali.

Federico Salas Lotfe, Ambasciatore eDelegato permanente del Messico presso l’UNESCO, attuale presidente del Comitato intergovernativo dell’UNESCO per la promozione del ritorno dei beni culturali nei paesi d’origine o la restituzione in caso di appropriazione illecita, ha parlato della commissione e delle diverse risoluzione dei casi dalla sua istituzione, nel 1978, ad oggi. La negoziazione e la collaborazione portano successo laddove non si applicano le leggi, e ha menziona la restituzione della  Sfinge di Boğazköy dal Regno Unito alla Turchia e della Maschera di Makondé dalla Svizzera alla Repubblica Unita di Tanzania come esempi.

Concludendo il dibattito, Ernesto Ottone R., Direttore generale della cultura UNESCO, ha sottolineato che la conferenza ha fornito una piattaforma chiave per i decisori e gli operatori culturali per rinnovare il dibattito sul patrimonio condiviso e creare uno slancio critico per il futuro.

Fonte: UNESCO

About Redazione Rivista Siti Unesco