Home / Categorie / Patrimonio Mondiale UNESCO / Buone prassi / Libriamoci: giornate di lettura nelle scuole

Libriamoci: giornate di lettura nelle scuole

Chi ama la lettura non può mancare all’appello! Dal 22 al 27 ottobre 2018 torna Libriamoci. Giornate di lettura nelle scuole, la campagna del Centro per il libro e la lettura nata da un Protocollo d’Intesa tra il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e il Ministero per i beni e le attività culturali. Far scoprire ai più giovani la bellezza della lettura e il suo potere di coinvolgimento se fatta a voce alta, condivisa in un’esperienza corale: questo è lo spirito con cui Libriamoci, giunta alla quinta edizione, si rivolge alle scuole di tutta Italia, dall’infanzia alle superiori, e alle scuole italiane all’estero, invitandole a includere nelle attività scolastiche delle sei giornate momenti di lettura ad alta voce svincolati da ogni valutazione scolastica. Il testimonial del 2018, già “padrino” l’anno scorso come nella prima edizione, e particolarmente legato alla campagna, è l’attore e regista Pif.

I FILONI TEMATICI
Tre i filoni tematici suggeriti, ai quali – se lo desiderano – insegnanti e studenti possono aderire o ispirarsi per le proprie iniziative: Lettura come libertà; 2018 Anno europeo del Patrimonio culturale; 200 anni: buon compleanno Frankenstein! Il primo tema rimanda allo sviluppo ed esercizio della libertà individuale, di pensiero critico e quindi di azione, che si affina grazie alla lettura. Nel 2018, inoltre, ricorrono i 70 anni dall’entrata in vigore della Costituzione italiana i cui principi si fondano sulla libertà. Il secondo è collegato all’Anno europeo del patrimonio culturale 2018: l’invito è scegliere letture che facciano riscoprire la bellezza e il valore della nostra arte, del paesaggio, dei monumenti, di tutto ciò che consideriamo cultura. Il terzo tema, infine, spicca il volo dalle pagine del capolavoro di Mary Shelley, pubblicato nel 1818, che apre a vasti orizzonti di riflessione: dal confine tra scienza e fantascienza ai limiti del progresso tecnologico, dall’inarrestabilità della ricerca scientifica ai dilemmi etici di fronte alle possibilità e alle scoperte delle quali l’uomo è capace.

LIBRIAMOCI E #IOLEGGOPERCHÉ
Anche quest’anno Libriamoci si svolge in collaborazione con #ioleggoperché, la campagna nazionale organizzata dall’Associazione Italiana Editori, che punta alla creazione e al potenziamento delle biblioteche scolastiche di tutta Italia, e che avrà le sue giornate clou dal 20 al 28 ottobre 2018. In questo lavoro fianco a fianco, Libriamoci e #ioleggoperché sono unite nella missione di rendere partecipi i giovanissimi delle infinite possibilità di scoperta e piacere offerte dai libri: portando la lettura ad alta voce in tutte le classi e incrementando il patrimonio delle biblioteche scolastiche danno corpo e voce alla lettura. In quest’ottica, se la biblioteca della vostra scuola ha ricevuto libri grazie a #ioleggoperché, l’invito è a includere nelle attività di Libriamoci anche letture tratte da uno o più di quei testi.

INSEGNANTI E LETTORI: COME PARTECIPARE
I docenti hanno carta bianca nell’organizzazione delle proprie iniziative, che vanno poi inserite nella banca dati:www.libriamociascuola.it/II/registrazione/Login/Login.php. Inoltre, se hanno piacere di ospitare in classe un lettore volontario, possono farne richiesta alla Segreteria organizzativa (entro il 18 ottobre) tramite l’apposito modulo: www.libriamociascuola.it/II/?pageid=9395.
I volontari che desiderano proporsi come lettori possono scrivere alla Segreteria (exlibris@exlibris.it) includendo una breve presentazione, eventuali esperienze pregresse di lettura a voce alta, e indicando provincia/e, data/e e grado/i di scuola per i quali sono disponibili.
La segreteria si occupa di raccogliere le richieste e le disponibilità e di coordinare gli abbinamenti fra lettori e scuole, incrociando la disponibilità di calendario delle classi e quella dei lettori a recarsi in scuole elementari, medie o superiori nelle rispettive città. A motivo del carattere geograficamente eterogeneo dell’adesione da parte delle scuole e dei lettori, non è possibile assicurare che tutte le richieste degli insegnanti saranno soddisfatte e, analogamente, l’individuazione di un istituto scolastico per tutti i lettori che si saranno offerti. Per una migliore riuscita degli incontri nelle classi, consigliamo a docenti e volontari di coordinarsi per armonizzare le proposte di lettura con i progetti didattici eventualmente già elaborati.
Sul sito Libriamociascuola.it, fulcro digitale della campagna che offre anche notizie, trovate video e informazioni utili, strumenti di approfondimento e bibliografie ragionate. Sui social network, inoltre, sono sempre attivi la pagina Facebook www.facebook.com/libriamociascuola/e l’account Twitterhttps://twitter.com/LibriamociAS, aperti alla condivisione di foto, video e resoconti di partecipanti e organizzatori contraddistinti dal tag #Libriamoci.

Fonte: MiBAC

About Redazione Rivista Siti Unesco