Home / Breaking-News / La gestione dei beni Patrimonio Mondiale in Spagna
Gestione Patrimonio Spagna - S
Salamanca Ph. Aly Jengtes - Wikicommons

La gestione dei beni Patrimonio Mondiale in Spagna

Si terrà nei prossimi giorni a Salamanca il seminario “La gestione del Patrimonio Mondiale della Spagna”, organizzato dall’Associazione delle Città Patrimonio Mondiale della Spagna presso l’Università di Salamanca .

Il seminario fa parte del programma ufficiale dell’VIII Centenario dell’Università di Salamanca ed è organizzato dal Gruppo delle Città Patrimonio dell’Umanità della Spagna in collaborazione con il Master in Gestione dei Beni Culturali della Facoltà di Geografia e Storia dell’Università di Salamanca, il Ministero della Pubblica Istruzione, Cultura e Sport, e la città di Salamanca. Con l’organizzazione di questo seminario a Salamanca, il Gruppo delle Città Patrimonio vuole anche contribuire alle celebrazioni con le quali la Città di Salamanca, membro fondatore dell’associazione nel 1993, commemorerà il trentesimo anniversario dell’iscrizione di Salamanca nella Lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO.
Il seminario si svolgerà nella Sala delle Assemblee della Facoltà di Geografia e Storia e si aprirà domani, 23 gennaio presso l’Aula Francisco Salinas, con i saluti del Rettore dell’Università di Salamanca, Ricardo Rivero, il sindaco di Salamanca, Alfonso Fernández Mañueco e il Sindaco di Cuenca e Presidente della Commissione Patrimonio del Gruppo delle Città Patrimonio dell’Umanità della Spagna, Ángel Mariscal. Parteciperanno anche María Agúndez, Consigliere tecnico dell’area delle Convenzioni UNESCO del Ministero della Cultura, Ministero della Pubblica Istruzione, Cultura e Sport; Enrique Saiz, Direttore Generale del Patrimonio della Junta de Castilla y León; e Federico Mayor Zaragoza, ex direttore generale dell’UNESCO e presidente della Fondazione Cultura della Pace.

Le sessioni di lavoro coinvolgeranno rappresentanti dell’UNESCO, l’Area del Patrimonio Mondiale del Ministero dell’Istruzione, della Cultura e dello Sport, e la Junta de Castilla y León. Allo stesso modo parteciperanno consiglieri e specialisti tecnici delle 15 Città Patrimonio dell’Umanità, della città di Firenze e gruppi sociali e culturali come Boamistura o ZOES. In particolare, unico invitato italiano sarò Carlo Francini, Site Manager del Sito UNESCO Centro Storico di Firenze e coordinatore scientifico dell’Associazione BeniItaliani Patrimonio Mondiale UNESCO.

L’UNESCO ha incluso nella lista del patrimonio mondiale 46 luoghi e beni del territorio spagnolo e, significativamente, 15 gruppi urbani con un eccezionale valore universale per le tracce culturali ereditate e il valore delle loro caratteristiche immateriali. Le trame urbane e l’immaginario collettivo che contengono costituiscono un fragile patrimonio delle aggressioni e vulnerabili alla banalizzazione culturale a causa delle molteplici pressioni che sostengono. La gestione di questi spazi complessi, sia nel presente che ponendo lo sguardo al futuro, comporta molteplici sfide, molte delle quali riguardanti tecnici e professionisti che lavorano per armonizzare in modo equilibrato e sostenibile la conservazione con il miglioramento della qualità della vita della popolazione locale residente e le sinergie che provoca nello sviluppo delle attività economiche.

Per questo motivo, gli obiettivi di questo seminario sono volti a dare visibilità alla società in generale ai vari impatti subiti dalle città e, dall’altro, analizzare e valutare le linee strategiche che vengono seguite nella loro gestione quotidiana in le aree del turismo, della conservazione del patrimonio e dell’economia, tutte dal punto di vista della funzione sociale che questo ricco patrimonio culturale deve svolgere.

In breve, le riflessioni e le conclusioni derivanti dagli spazi del dibattito mirano ad arricchire e contribuire alla gestione creativa, intelligente e sostenibile delle 15 città spagnole riconosciute come Patrimonio dell’Umanità: Alcalá de Henares, Ávila, Baeza, Cáceres, Córdoba, Cuenca , Ibiza / Eivissa, Mérida, Salamanca, San Cristóbal de la Laguna, Santiago de Compostela, Segovia, Tarragona, Toledo e Úbeda.

Il Gruppo delle Città Patrimonio Mondiale della Spagna è un’associazione senza scopo di lucro creata nel 1993 il cui obiettivo è quello di agire congiuntamente nella difesa e nella promozione culturale e turistica del patrimonio delle 15 città che lo compongono, i cui elmi siti storici sono stati riconosciuti dall’UNESCO come Patrimonio Mondiale: Alcalá de Henares, Ávila, Baeza, Cáceres, Córdoba, Cuenca, Ibiza / Eivissa, Mérida, Salamanca, San Cristóbal de la Laguna, Santiago de Compostela, Segovia, Tarragona, Toledo e Úbeda . Durante il 2018, il Gruppo celebrerà il 25 ° anniversario della sua creazione.

Fonte: organizzatori

About Redazione Rivista Siti Unesco