Home / Accordo internazionale per restauro e conservazione Abruzzo-New York
Fare il restauratore
Fare il restauratore

Accordo internazionale per restauro e conservazione Abruzzo-New York

E’ di questo giorni la sottoscrizione di un accordo tra la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio dell’Abruzzo diretta dalla Dott.ssa Rosaria Mencarelli e il San Gemini Preservation Studies (SGPS), uno dei programmi europei dell’International Institute for Restoration and Preservation Studies (IIRPS) con sede a New York, USA, diretto dal Prof. Nikolas Vakalis.

“Questo importante accordo su base triennale – affermano Rosaria Mencarelli e Nikolas Vakalis – consentirà un dinamico scambio tra le due Istituzioni, e mira alla conoscenza e alla tutela dei beni culturali attraverso l’approccio alle metodologie e alla pratica del restauro, in questo caso oggetti ceramici provenienti da scavi del territorio del Teramano dove molti ritrovamenti archeologici attendono si essere studiati e restaurati”

I reperti che sono stati consegnati giovedì scorso ai laboratori di San Gemini costituiranno oggetto di documentazione e studio e verranno restaurati da studenti provenienti da università di tutto il mondo che da 20 anni confluiscono nella cittadina umbra con un forte interesse nel campo della conservazione e restauro del patrimonio culturale.

I docenti che seguono il meticoloso lavoro di documentazione e restauro dei manufatti sono specialisti del campo, laureati presso l’Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro di Roma.

I reperti sono stati selezionati in base a criteri, quali tipologia, epoca e problematiche di conservazione e costituiranno per l’attività didattica dei prossimi 3 anni materiale di studio in diversi ambiti di ricerca.

“Questo lavoro multidisciplinare – proseguono Mencarelli e Vakalis – potrà essere completato da una pubblicazione scientifica e costituire anche un interessante argomento per una mostra con finalità di carattere didattico, perché è importante coinvolgere e sensibilizzare un pubblico sempre più vasto nella conoscenza e conservazione del proprio patrimonio culturale”.

Fonte: MiBACT

About Redazione Rivista Siti Unesco