Home / Breaking-News / Città fortificate, secondo incontro in Croazia
Walled Cities - Dubrovnik
Walled Cities - Dubrovnik

Città fortificate, secondo incontro in Croazia

Il 5 e 6 marzo prossimi si tiene a Sebenico, in Croazia il secondo workshop sul tema “Città murate, società aperte: gestione delle mura e fortificazioni storiche nelle proprietà del patrimonio mondiale urbano in Europa“. L’incontro di quest’anno si concentrerà sugli strumnti per attuare la raccomandazione dell’UNESCO sul paesaggio urbano storico all’interno dei beni del proprietà del patrimonio mondiale con significativa presenza di mura storiche, fortificazioni e aree urbane fortificate.

La prima edizione del Workshop si era tenuta a Siena lo scorso anno, su convocazione dell’Ufficio Regionale UNESCO per la Scienza e la Cultura in Europa. A Siena, rappresentanti di 25 città di tutta Europa si erano incontrati per discutere gestione delle aree urbane all’interno delle mura storiche nei siti del patrimonio mondiale. Si è concentrato sul ruolo e le funzioni attuali delle mura storiche e sui loro nuovi valori simbolici: il loro impatto sul coinvolgimento della comunità, sugli approcci partecipativi e sull’integrazione delle mura cittadine all’interno dei più ampi sistemi di gestione dei siti. Presentazioni, video e dibattiti avevano caratterizzato  un intenso e proficuo programma di 2 giorni.

Basandosi sull’atmosfera cooperativa dell’evento di Siena, il Ministero della Cultura della Croazia si èdunque  offerto di ospitare un secondo seminario al fine di rafforzare il collegamento in rete tra le città rilevanti e migliorare ulteriormente le proprie capacità nella gestione di questo specifico patrimonio culturale. Il seminario è ospitato dalla Contea di Sebenico e Tenin e organizzato dall’UNESCO, attraverso il suo Ufficio Regionale per la Scienza e la Cultura in Europa, in collaborazione con il Ministero della Cultura della Croazia, la Commissione croata per l’Unesco e la rete mediterranea delle sedie UNESCO – MUNCH.

Questo secondo workshop mira in particolare a migliorare la conoscenza dei partecipanti sull’approccio del paesaggio urbano storico (HUL) e facilita la sua attuazione condividendo esperienze e introducendo strumenti, in particolare nelle aree urbane all’interno e attorno alle mura e alle fortificazioni storiche. Contribuirà inoltre a rafforzare il collegamento in rete tra le città interessate, aumentando la consapevolezza sull’importanza di gestire adeguatamente i muri storici all’interno di contesti urbani più ampi e ad accrescere ulteriormente le loro capacità nella gestione di questo specifico patrimonio culturale attraverso l’approccio HUL.

La Raccomandazione del Paesaggio Urbano Storico, approvata nel 2011, definisce “Paesaggio urbano storico” come “area urbana […] frutto di una stratificazione storica di valori e attributi culturali e naturali, che va oltre la nozione di ‘centro storico’ o ‘insieme’ includere il più ampio contesto urbano e la sua impostazione geografica “. Fornisce la base per un approccio globale e integrato per l’identificazione, la valutazione, la conservazione e la gestione del patrimonio urbano all’interno di un quadro generale di sviluppo sostenibile e cerca di aumentare la sostenibilità degli interventi di pianificazione e progettazione, tenendo conto dell’ambiente di costruzione esistente, intangibile patrimonio e diversità culturale insieme ai valori della comunità locale.

La salvaguardia dello storico paesaggio urbano inizia anche con la comprensione e la gestione delle principali questioni che minacciano le città storiche, come lo sviluppo urbano rapido e incontrollato, la pianificazione spaziale inadeguata, le conseguenze dei cambiamenti climatici, lo sfruttamento del mercato e il turismo di massa. Un approccio di gestione inclusivo, mirante a alleanze strategiche e dinamiche tra i vari attori della scena urbana, sarà potenziato e rafforzato, dando forma all’identità delle comunità e contribuendo alla creazione di una visione futura, in linea con l’Agenda 2030 e gli Obiettivi di sviluppo sostenibile.

Parteciperanno al seminario rappresentanti dei governi delle città,  autorità di gestione dei beni UNESCO in Europa; titolari di  cattedre UNESCO nel campo della conservazione e della rigenerazione urbana.

Fonte: UNESCO

About Redazione Rivista Siti Unesco