Home / Breaking-News / Ricostruzione Palmira, l’opinione di Paolo Matthiae
MASTER CULTURAL PROPERTY PROTECTION
MASTER CULTURAL PROPERTY PROTECTION

Ricostruzione Palmira, l’opinione di Paolo Matthiae

Il vasto sito archeologico di Palmira, gravemente danneggiato dall’Isis, ma ”non polverizzato”, potrà essere ricostruito quasi nella sua totalità. A parlare è l’archeologo Paolo Matthiae, fra i maggiori esperti al mondo, secondo cui larga parte delle rovine potrà essere recuperata anche con restauri tradizionali.

Intervenuto alla presentazione della mostra ‘I volti di Palmira ad Aquileia, allestita dal 2 luglio al 3 ottobre negli spazi del Museo Archeologico Nazionale della città friulana, lo scopritore di Ebla ha rivelato che le autorità siriane hanno iniziato a compiere ”un attentissimo rilevamento dei crolli”, in quanto le prime analisi in merito hanno mostrato che le esplosioni dell’Isis ”non hanno polverizzato” quelle antiche vestigia e sono rimaste molte pietre che potranno essere riutilizzate.

Per fare gli iniziali accertamenti è stata chiamata un ditta francese, ma anche l’Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro italiano ha già dato prova di importante collaborazione, restaurando due sculture danneggiate, esposte a una mostra al Colosseo e, una volta conclusasi, prontamente restituite alla Siria. Un buon esempio di comportamento che anche la Francia è stata costretta a seguire, ha aggiunto Matthiae, dopo che aveva trattenuto per l’acuirsi della crisi politica siriana alcuni reperti allestiti in una mostra parigina.

”Il sito archeologico di Palmira è un un campo di rovine di grandissima estensione e solo il 20-30% è danneggiato gravemente, purtroppo si tratta di eccellenze, come il tempio di Bel, mentre l’Arcata Trionfale si rimetterà su – ha concluso l’archeologo – Ad ogni modo, sia con i metodi tradizionali sia con l’uso di avanzate tecnologie ripristinare il sito anche al 98% potrà essere possibile”.

Fonte: ANSA.IT

About Redazione Rivista Siti Unesco