Home / Breaking-News / Patrimonio Mondiale nella #scuola sempre più “Open”
PATRIMONIO MONDIALE OPEN
PATRIMONIO MONDIALE OPEN

Patrimonio Mondiale nella #scuola sempre più “Open”

Una sala affollata di studenti, educatori e operatori della cultura ha salutato le novità del progetto “Patrimonio Mondiale nella #scuola”, curato e promosso dall’Associazione Beni Italiani Patrimonio Mondiale UNESCO in collaborazione con il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, presentate al WTE di Siena sabato 23 settembre.

Finanziato grazie ai fondi della Legge 77/2006, “Patrimonio Mondiale nella #scuola” ha l’obiettivo di divulgare la conoscenza del patrimonio italiano UNESCO e promuovere la consapevolezza del suo autentico valore e significato presso i cittadini più giovani, utilizzando il sito web www.patrimonionellascuola.it, portale di carattere didattico. Con l’inizio della scuola per l’anno 2017/2018 il progetto ha festeggiato il suo primo compleanno e per l’occasione sono stati presentati i nuovi strumenti di divulgazione e partecipazione inseriti nel portale.

Nel corso dell’incontro, Mariangela Busi – Ufficio Mantova e Sabbioneta Patrimonio Mondiale, Comune di Mantova e Comitato Scientifico Associazione Beni Italiani Patrimonio Mondiale UNESCO, ha presentato alla platea il progetto e il portale. Ad Alessandra Moreschi – Esperta di didattica museale e per il patrimonio per Associazione Beni Italiani Patrimonio Mondiale UNESCO è andato il compito di spiegare gli strumenti e le modalità di utilizzo del kit didattico consultabile e scaricabile, che contiene del materiale studiato e proposto ad hoc perché gli educatori e gli operatori della formazione possano approfondire la propria conoscenza del ruolo dell’UNESCO e del Centro per il Patrimonio Mondiale e delle presentazioni differenziate, studiate e calibrate per gli studenti delle scuole medie e superiori.

Raffaella Smaghi, della Società Val d’Orcia ha quindi introdotto le attività didattiche che il suo gruppo di lavoro propone ai ragazzi di diverse età e scuole, come esempio di buona prassi per la diffusione quanti più possibile capillare dei principi e dei valori del Patrimonio Mondiale.

Mariangela Busi ha poi coinvolto gli studenti dell’Istituto Superiore Pitentino di Mantova che hanno partecipato con l’Ufficio UNESCO di Mantova e Sabbioneta alla realizzazione della “Mappa del cuore”. I ragazzi sono saliti in cattedra per raccontare la loro esperienza di studio e anche quella sul campo, facendo da apripista ad un’altra novità del portale www.patrimonionellascuola.it: la sezione “Voce alle scuole” dove i protagonisti sono gli studenti, con i lavori e le attività realizzate nell’ambito dei progetti didattici a marchio “Patrimonio Mondiale”.

About Redazione Rivista Siti Unesco

Check Also

Borghi da salvare

Borghi d’Italia: investimenti per 20 milioni di euro

Si è tenuto venerdì scorso presso l’Aula Ottagona delle Terme di Diocleziano, nell’ambito del convegno Borghi, …