Home / Breaking-News / Dal 15 novembre la cultura gastronomica italiana a FICO
https://youtu.be/w_QGzDtJ6HE

Dal 15 novembre la cultura gastronomica italiana a FICO

Aprirà al pubblico il prossimo 15 novembre FICO Eataly World, il più grande parco agroalimentare del mondo.

La Fabbrica Italiana Contadina (da qui l’acronimo FICO!), che si trova a Bologna ed è in via di ultimazione, si estende su 10 ettari e racchiuderà la meraviglia della biodiversità italiana: nei 2 ettari di campi e stalle all’aria aperta saranno ospitate coltivazioni e specie vegetali ed animali che rendono speciale la tradizione alimentare italiana, mentre gli 8 ettari coperti saranno impegnati da 40 fabbriche, più di 40 punti ristoro, botteghe e un mercato. Assieme a queste i visitatori troveranno aree dedicate allo sport, ai bimbi, alla lettura e ai servizi, 6 aule didattiche, 6 grandi “giostre” educative, teatro e cinema, nonché un centro congressi modulabile da 50 a 1000 persone.

FICO è anche conoscenza e ricerca: trovano spazio nella struttura la Fondazione FICO che collabora con 3 università e nel corso dell’anno saranno attive numerose proposte didattiche, per scuole e famiglie.

Il progetto è sviluppato e promosso da FICO Eataly World – la società di gestione del Parco -, la Fondazione FICO per l’Educazione alimentare e alla Sostenibilità, Prelios Sgr, che ha istituito e gestisce il Fondo Pai (Parchi agroalimentari italiani) per la sua realizzazione, e con CAAB – Centro Agroalimentare Bologna, in collaborazione con il Comune di Bologna. L’Associazione Beni Italiani Patrimonio Mondiale UNESCO sarà presente nel progetto con uno spazio dedicato al Patrimonio Italiano tutto da scoprire.
Dal 15 novembre sarà quindi possibile entrare – ingresso gratuito – e visitare il complesso, che è percorribile anche in bicicletta e che presenta innumerevoli opportunità di svago e divertimento per tutti i golosi e i curiosi.

About Redazione Rivista Siti Unesco

Check Also

Cantieri della Cultura

Cantieri della Cultura, ok della conferenza Stato-Regioni

La conferenza unificata Stato-Regioni e il Consiglio Superiore dei beni Culturali hanno dato parere favorevole …