UNA NUOVA LEGGE SPECIALE PER VENEZIA | SITI
PATRIMONIO ITALIANO UNESCOPATRIMONIO ITALIANO UNESCOPATRIMONIO ITALIANO UNESCOPATRIMONIO ITALIANO UNESCO
PATRIMONIO ITALIANO

Una nuova legge speciale per Venezia

Intervista al sindaco Giorgio Orsoni
Matteo Bianchi

Una nuova legge speciale per Venezia

Dai finestrini del treno l’immagine della città lontana si fa più nitida; pare di entrare in un universo a sé. La mattina presto, dalla terra ferma all’acqua, dalla visuale di Mestre, soffocata dalle auto, alla pacata complessità di Venezia, tra gondole e gabbiani. Per un attimo il turista non avvezzo a una vista simile s’incanta. Incontrare Venezia è incontrare una donna che ha fascino e mistero, inesauribile dona stupore dietro ad ogni suo angolo. Una perla nella laguna, i toni verde mare ne delineano lo sguardo. Percorsa da milioni di persone l’anno ed impossibile da godersi vuota; anche Hugo Pratt, quando cercava di ritrarla tra graffite e acquerelli, non riusciva a non affiancare a Corto Maltese un’ombra curiosa, qualche gatto assonnato, una luna parlante. Soltanto i tassisti all’alba si ritagliano qualche scorcio rosato di Piazza San Marco.

Rimpianta dal primo libertino della storia, Giacomo Casanova, dalla punta facile, penna o lama che fosse, è stata abitata e amata da una schiera di illustri personalità di cui non si contano i nomi; ha ispirato le Stagioni di Vivaldi e la letteratura nazionale, prima, con gli studi sul volgare illustre del Bembo, e poi internazionale, grazie alla quantità di libri a stampa che ha sparso per il mondo, a cominciare da quelli marchiati festina lente da Aldo Manuzio. La fama di Venezia ormai è gloria: un tempo Repubblica Marinara e meta di conquistatori di ricchezze, di anime e di amori, a causa dell’aumento continuo delle acque è già risorta una volta sulle proprie ceneri, o rovine, come, per scherno o per destino, il prestigioso teatro ne è testimone.

Superato il ponte di Rialto, salivo le scale affrescate di Ca' Farsetti, palazzo comunale, e mi chiedevo con quale disposizione d'animo il primo cittadino di Venezia l'amministri ogni giorno.

È difficile essere il sindaco di una delle città più belle del mondo?

Venezia è un sistema urbano complesso, delicato e molto articolato che deve essere governato utilizzando soluzioni e strumenti complessi. Credo che, da veneziano, fare il sindaco di questa città sia motivo di estremo orgoglio, e che imponga tuttavia un’enorme responsabilità verso il mondo intero.

Essere uno dei patrimoni dell’umanità ha portato dei benefici a Venezia, o una città così importante non ha bisogno dell’Unesco?

Considerare Venezia e la sua Laguna patrimonio dell’umanità, permette a noi di affrontare la tutela monumentale, architettonica e ambientale con una prospettiva più ampia. Venezia patrimonio di tutti potrebbe essere un’ovvietà, ma è ancora una volta necessario ribadire che la sua difesa è questione che non può riguardare solo la sua Amministrazione.

Come affronta i grandi problemi che attanagliano Venezia? L’acqua alta e il turismo di massa, ad esempio. Il capitale culturale corre dei rischi? Una legge speciale per Venezia potrebbe essere utile?

La Legge speciale è servita a questa città per sopravvivere. La specialità di Venezia sta nelle cose e, appunto perché questo non è affare che può riguardare solo Venezia, è necessario riaffermarla con forza in tutte le sedi. Quella legge, nata dopo l’alluvione dell’66 ha esaurito la sua forza. Non sono previsti finanziamenti per i prossimi anni e aspettiamo da due quelli previsti. Una nuova legge, fondamentale, dovrà essere approntata al più presto ed è un percorso già iniziato. Ma sia chiaro che la questione della specialità di Venezia, anche in relazione a trasferimenti dallo Stato, è essenziale. Venezia, inoltre, deve essere messa nelle condizioni di sopravvivere con l’autonomia che impone la sua specialità. Anche questo aspetto dovrà esser presente nella nuova Legge speciale.

Come convive la Serenissima con una fonte di inquinamento ambientale e acustico quale il polo di Porto Marghera?

Porto Marghera non è più quel sito industriale che così pesantemente ha inciso sul nostro ecosistema fino ad una trentina di anni fa. La tecnologia e le rigidissime normative hanno trasformato anche le produzioni più pericolose, e oggi possiamo affermare che la convivenza fra industria e la città è possibile.

Il ponte di Calatrava è stata l’ultima grande opera pubblica di Venezia. Quale impatto ha avuto sulla città? Era un’opera indispensabile? Quale la reazione dei cittadini? Quanto ritiene che Venezia debba fare spazio al nuovo e quanto invece a ristrutturazioni e restauri?

Il ponte della Costituzione non è solo un segno dell’architettura moderna riconosciuto a livello mondiale, ma ha modificato profondamente i flussi d’accesso alla città. Anche i più scettici hanno dovuto convenire sull’utilità del suo utilizzo, tanto che oggi il problema da risolvere è quello di indirizzare turisti e cittadini verso altri accessi alla città.

La città brulica di giovani artisti emergenti e grandi maestri internazionali, piccole gallerie d’arte e grandi imprenditori stranieri, ad esempio il caso Pinault a Palazzo Grassi e Punta della Dogana: invasione o arricchimento?

Un arricchimento inestimabile del quale compiacersi. Come tutte le ricchezze, deve essere gestita al meglio.

È parere diffuso si debba evitare la museificazione delle città italiane, ma da tempo si parla di ticket e di numero chiuso per un turismo più sostenibile nelle grandi città d’arte, cosa ne pensa?

Non so se il ticket di ingresso possa essere la soluzione per consentire di superare i problemi legati alla gestione delle presenze turistiche, ma credo che Venezia, forse più di altre città italiane d’arte, debba poter disporre di strumenti specifici che le consentano di affrontare efficacemente queste questioni.

Poco prima che iniziasse il nuovo anno, a Nairobi, la Dieta Mediterranea è entrata a far parte del patrimonio immateriale dell’Unesco. In Italia, con quest’ultima, sono tre, insieme ai Pupi Siciliani e al Canto a Tenore sardo. Ultimamente si sta cercando di dare sempre più importanza alle ricchezze intangibili delle varie culture, come i costumi locali e le feste popolari. Quale delle storiche tradizioni, Lei che è veneziano, candiderebbe?

Credo che la storica tradizione, la lunga, ricca cultura della voga alla veneta e del suo mondo dovrebbero essere maggiormente riconosciute e valorizzate.

10 ARTICOLI CORRELATI
  • Palmanova e le opere veneziane nella Tentative List [...]
    “Le opere di difesa veneziane tra XV e XVII secolo
    La candidatura seriale transnazionale a patrimonio dell’Umanità delle “Opere di difesa veneziane tra il XV e il XVII secolo” è entrata ufficialmente nella Tentative list Unesco. Si tratta di [...]
      TENTATIVE LIST  
  • LA FORTEZZA VENEZIANA ATTIRA STUDIOSI DA TUTTO IL MONDO
    Convegno internazionale a PALMANOVA
    Un convegno internazionale sull’architettura militare di Venezia metterà a confronto una ventina di esperti provenienti anche da oltreoceano. Molti gli interrogativi che la città stellata suscita [...]
      CONVEGNI MOSTRE  
  • VENEZIA CAPITALE EUROPEA CULTURA 2019
    Battute conclusive
    20 settembre 2013, termine ultimo per presentare al MiBAC il dossier Venezia Capitale Europea della Cultura 2019, gli esperti stanno ultimando la documentazione. Mancano pochissime settimane alla [...]
      BREVI DAL MONDO E DALL ITALIA  
  • VENEZIA. PALAZZO MERATI. SU ARTISTI ELEZIONATI DAL MUSEO [...]

    Continua, con grande successo e affluenza di pubblico a Palazzo Merati d'Audiffret de Greoux, nella cornice della splendita Venezia, fino al 31 luglio 2013 la mostra di Arte Contemporanea Symphonie de [...]
      CONVEGNI MOSTRE  
  • Unesco: a Venezia il 22 e 23 novembre il Summit mondiale
    sul patrimonio culturale intangibile
    Venezia 4 lug. (Adnkronos) - Appuntamento il 22 e 23 novembre 2013 alla Stazione Marittima di Venezia, Terminal 103, con il convegno internazionale ''Antiche manifestazioni del patrimonio culturale [...]
      PATRIMONIO ITALIANO  
  • Venezia: presentato il Piano di gestione del sito UNESCO

    E' un rapporto consolidato quello tra Venezia e l'Unesco: iniziato nel 1968, è stato rafforzato - un quarto di secolo fa - con l'iscrizione della città lagunare tra i siti culturali [...]
      PATRIMONIO ITALIANO  
  • Roma: i saloni monumentali di Palazzo Venezia
    Visite guidate ai saloni monumentali di Palazzo Venezia, [...]
    A partire dal 19 gennaio 2013, il Servizio Educativo della Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Roma, diretta da [...]
      BREVI DAL MONDO E DALL ITALIA  
  • Presentata la conferenza internazionale dell'Unesco del [...]
    La conferenza internazionale si terrà il 21 e 22 [...]
    "E' un legame profondo quello che lega Venezia all'Unesco. Una storia iniziata nel 1966, quando la città fu colpita dalla grande acqua alta, che segnò sia il momento del suo maggior [...]
      CONVEGNI MOSTRE  
  • Venerdì lancio della conferenza di Comune e Unesco su [...]

    Venerdì 7 dicembre, alle ore 13, nella sede del Comune di Venezia, Ca' Farsetti (San Marco 4136), si terrà la conferenza stampa di lancio della conferenza internazionale "Venice and its [...]
      PATRIMONIO ITALIANO  
  • Mira, presentazione del Piano di Gestione del sito Unesco [...]
    Dopo Mira, incontri a Chioggia, lunedì 26 novembre e a [...]
    Iniziano il 20 novembre a Mira, per concludersi il 19-20 dicembre a Venezia, gli incontri di presentazione del Piano di Gestione del sito Unesco "Venezia e la sua Laguna". In ciascuno dei 9 Comuni [...]
      BREVI DAL MONDO E DALL ITALIA  
2 FOTOGALLERY CORRELATE
  • Negozio Olivetti
    Venezia
    Un capolavoro dell'architettura italiana.
       
  • Venezia

    Con i suoi preziosi palazzi, l’architettura municipale, i simboli religiosi, con il suo fasto e ingegnosità, con la sua tipicità e delicatezza, Venezia non smette di provocare meraviglia ed [...]
      FOTO ITALIA