Home / Breaking-News / Patrimonio Culturale siciliano, in arrivo fondi per tutela, valorizzazione e reti
Valle Templi Agrigento
Foto Susan Wright - © OUR PLACE The World Heritage Collection

Patrimonio Culturale siciliano, in arrivo fondi per tutela, valorizzazione e reti

Con il DD 5884 del 20 novembre 2017 Dipartimento Beni Culturali e dell’Identità Siciliana è stato approvato l’avviso relativo alla misura 6.7.1 del Po FESR Sicilia dal titolo “Interventi per la tutela, la valorizzazione e la messa in rete del patrimonio culturale, materiale e immateriale, nelle aree di attrazione di rilevanza strategica tale da consolidare e promuovere processi di sviluppo”.

Tale misura è finalizzata a sostenere il miglioramento dei sistemi di fruizione e di divulgazione della conoscenza del patrimonio culturale con riferimento ai singoli attrattori siciliane, ma anche nelle Aree di attrazione culturale attraverso il miglioramento delle condizioni e degli standard di offerta e fruizione delle aree di attrazione culturale.

Per la misura 6.7.1 è stata messa a disposizione una dotazione finanziaria di 4.206.447,40 euro.
Possono partecipare alla misura enti quali lo Stato, Enti Locali, Enti ecclesiastici e Fondazioni in presenza di apposita convenzione con la Regione Siciliana, titolari dei beni inseriti nell’elenco dei “Luoghi della Cultura”.

Le tipologie di intervento finanziabili sono relative a:

– interventi di restauro del patrimonio culturale, materiale e immateriale, finalizzati alla conservazione e all’adeguamento funzionale, strutturale ed impiantistico anche adottando soluzioni di efficientamento energetico e di messa in sicurezza da rischio idrogeologico, ove il caso;
– realizzazione di allestimenti museali e di percorsi di visita; Interventi per migliorare l’accessibilità e la sicurezza delle collezioni;
– acquisto di attrezzature e dotazioni tecnologiche;
– interventi per il miglioramento dell’accessibilità delle aree esterne di pertinenza degli attrattori;
– Interventi per la sicurezza e vigilanza degli attrattori e delle aree esterne di pertinenza.

Il bando prevede un finanziamento in conto capitale per un importo massimo di € 300.000,00 viene concesso fino al 100% dei costi totali ammissibili dell’operazione.

I progetti verranno valutati secondo i seguenti criteri:

Efficacia dell’operazione/progetto (Max 35 punti)
Efficienza attuativa (Max 10 punti)
Qualità progettuale intrinseca, innovatività e integrazione con altri interventi (Max 55 punti)
Criteri premiali (Max 20 punti)
Le domande devono essere presentate a partire dalle ore 12,00 del giorno successivo alla pubblicazione in GURS del presente avviso e sino alle ore 12,00 del 60° giorno dalla pubblicazione su GURS.

Fonte: euroinfosicilia.it

About Redazione Rivista Siti Unesco

Check Also

Borghi da salvare

Borghi d’Italia: investimenti per 20 milioni di euro

Si è tenuto venerdì scorso presso l’Aula Ottagona delle Terme di Diocleziano, nell’ambito del convegno Borghi, …