Home / Categorie / La Grande Bellezza / Appuntamenti / Anche l’UNESCO … s’illumina di meno
Pompei s'illumina di meno
Pompei s'illumina di meno

Anche l’UNESCO … s’illumina di meno

Domani, 24 febbraio 2017 torna M’illumino di Meno, tredicesima edizione di una manifestazione “illuminata” che vuole sensibilizzare la cittadinanza contro gli sprechi energetici.
Organizzata e promossa dalla trasmissione di Radio 2, Caterpillar,  negli anni scorsi Mi Illumino di Meno è riuscita a spegnere i principali monumenti italiani ed europei come gesto simbolico di risparmio energetico. Cominciata quando ancora la sensibilità verso i temi ambientali era poco diffusa, l’iniziativa continua, giacché dopo 13 anni di campagna, la cura del pianeta è diventata sempre più impellente. Così come si rinnovano le sfide energetiche, così M’illumino di Meno si rinnova grazie alla partecipazione di centinaia di migliaia di sostenitori che si mettono in gioco in prima persona con azioni concrete.

Per questo gli organizzatori rinnovano l’invito a spegnere le piazze, le illuminazioni private e pubbliche il 24 febbraio 2017: la trasmissione radio Caterpillar ne darà conto, in una cronaca delle adesioni in tempo reale. Fra i siti UNESCO che hanno già aderito alla campagna abbiamo gli scavi di Pompei, gli scavi di Paestum, i siti della Costiera Amalfitana, il Colosseo, la Galleria Sabauda di Torino e la Reggia di Caserta, ma anche fino ai i Bronzi di Riace, Palazzo Pitti di Firenze e gli Studios di Cinecittà; sono infatti oltre oltre 60 i luoghi della cultura che abbasseranno o spegneranno parte della propria illuminazione dalle 19:00 e alle 19:15 di venerdì 24 febbraio. 

Oltre agli spegnimenti, l’edizione 2017 i promotori invitano tutti coloro che aderiscono a compiere un gesto di condivisione contro lo spreco di risorse. E’ dimostrato come la più grande dispersione energetica sia causata dallo spreco in tutti ambiti dei nostri consumi: alimentari, trasporti, comunicazione. Per questo Caterpillar invita tutti gli ascoltatori il 24 febbraio a condiVivere: dando un passaggio in auto ai colleghi, organizzando una cena collettiva nel proprio condominio, aprendo la propria rete wireless ai vicini e in generale condividendo la proprie risorse come gesto concreto anti spreco e motore di socialità. 

Come ogni anno i promotori si sono rivolti ai cittadini e anche alle istituzioni di tutti i livelli, alle associazioni culturali e a quelle sportive, alle scuole di ogni ordine e grado  perché M’illumino di Meno sia soprattutto una giornata di festa energetica aperta a tutte le forme di creatività.

Quest’anno al mondo della scuola e dell’infanzia hanno proposto di giocare a immaginare un supereroe del risparmio energetico e al mondo dello sport di mobilitarsi per il giorno di M’Illumino di Meno organizzando attività sportive di sensibilizzazione perché l’energia più pulita è quella che produciamo noi muovendoci senza inquinare.

Poiché negli anni la partecipazione a M’Illumino di Meno è cresciuta in modo straordinario, gli organizzatori hanno deciso di far diventare questa festa diffusa un appuntamento fisso e riconosciuto: stanno infatti portando avanti la proposta dell’istituzione della Giornata Nazionale del Risparmio Energetico e degli Stili di Vita Sostenibili.

About Redazione Rivista Siti Unesco

Check Also

Borghi da salvare

Borghi d’Italia: investimenti per 20 milioni di euro

Si è tenuto venerdì scorso presso l’Aula Ottagona delle Terme di Diocleziano, nell’ambito del convegno Borghi, …