Home / Breaking-News / Esperienze di Gestione integrata nei territori: un tavolo di confronto a Ravello Lab
Bernina Trenino UNESCO
Bernina Trenino UNESCO

Esperienze di Gestione integrata nei territori: un tavolo di confronto a Ravello Lab

Si è aperta ieri con il “Laboratorio UNESCO – Esperienze di Gestione integrata nei territori in vista della VII Conferenza Nazionale dei Siti UNESCO” la XII edizione di Ravello Lab – Colloqui Internazionali, uno spazio di confronto fra specialisti, amministratori, studiosi e tecnici che operano nel campo della cultura e della promozione culturale.

Diversi gli interventi che si sono susseguiti, l’interessante apporto degli intervenuti ha focalizzato l’attenzione sulla questione della “gestione”, il mantenimento, la cura, dei siti UNESCO e in senso lato di tutto l’ingente e ricco patrimonio di beni culturali, dai musei alle strade storiche, che caratterizzano l’intero patrimonio italiano.

L’introduzione del dibattito è stata affidata a Maria Grazia Bellisario, Direttore Sevizio Coordinamento e relazioni internazionali – Ufficio UNESCO del MiBACT, coadiuvata da Francesco Caruso, Consigliere del Pesidente della Regione Campania per i Rapporti Internazionali e l’UNESCO ed Enrico Vicenti, Segretario Generale della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO.

A portare la testimonianza delle diverse esperienze di “gestione integrata” dei siti UNESCO i rappresentanti delle Regioni Campania, Piemonte e Lombardia, tre letture diverse per una infinità di input che conducono – seppure per vie diverse – allo stesso principio: ogni bene UNESCO, dalle città creative alle città fortificate, fino alle aree MAB, è una “perla della quale va curata l’ostrica se si vuole creare una bella collana”, parafrasando le metafore utilizzate da Vicenti e Caruso nel corso dei lavori. Esplicando il concetto, utilizzato in maniera trasversale nell’intero pomeriggio di lavori, ogni sito UNESCO non è e non deve essere concepito né gestito come un punto di eccellenza del territorio ma vive con il territorio, esso stesso ne fa parte e viene gestito in armonizzazione con esso. Per questo si è parlato ampiamente del “Piano di Gestione”, strumento indispensabile sia per entrare nella World Heritae List che per mantenere questa illustre posizione, che rende i siti UNESCO un plausibile modello di gestione integrata con le così dette “buffer zone” e il territorio.

L’adozione di un Piano di Gestione integrato per un bene culturale, a prescindere dal suo inserimento nella WHL dell’UNESCO, comporterebbe dei benefici a livello gestionale, amministrativo, di crescita economica del territorio, di costruzione del senso di appartenenza e quindi di ruolo della cittadinanza nella tutela e valorizzazione di quel bene. Con quali strumenti si realizzi, con quale percorso, sarà dunque il tema del Panel 1 in programma per venerdì 21 a Ravello Lab 2016.

About Redazione Rivista Siti Unesco

Check Also

Cranio Età del Rame di Grotta Marcel Loubens

La Grotta Marcel Loubens restituisce un cranio di uomo di 5.000 anni fa

Sono stati svelati i retroscena e la storia del cranio umano rinvenuto nel bolognese presso …